Pausa storiella

S’innamorò di lei col senno di poi. Ma poi ,scoprì, era troppo tardi. Così tornò a casa, raccolse la sua roba e, con la chitarra in spalla, partì. Girò il mondo,portando ovunque la sua musica, ma il dolore non smise mai di pizzicargli il cuore, perché in ogni nota che suonava riecheggiava lei. Passarono gli anni e insieme al successo arrivò la rassegnazione. “doveva andare così, è il  destino!” gli dicevano tutti. Ma quell’uomo non credeva al destino, troppo facile scaricare un barile di dolore nel fiume del fato. Mi disse un giorno -Io sono un musicista, un artista e pago a caro prezzo la materia prima che mi serve per comporre, l’emozione. Senza quella non sarei nessuno, lo sapevo quando la conobbi, sapevo che quell’essere minuto racchiudeva in sé un cuore pulsante di amore, sapevo essere lei la donna perfetta per me, e sapevo che ,se ci avessi rinunciato, il dolore sarebbe stato incalcolabile, per questo mi allontanai. Non unirmi a lei significava morire come uomo per rinascere come artista. Ma, se ci pensi, del nostro amore, ora, canta tutto il mondo. Sorrise, e aggiunse  -Vita grama quella dell’artista, non puoi che scegliere la tua arte, perché è tutto ciò che hai da offrire al mondo, nella vita reale, noi artisti, siamo degli inetti.                                                

                                                                                                   

Annunci

8 pensieri su “Pausa storiella

  1. Una storia che fa riflettere…quanti artisti, magari non in modo così esplicito, hanno rinunciato alla vita per seguire la loro passione e la loro ispirazione. E il dubbio “ne è valsa la pena?” prima o poi si affaccia e ti inchioda alle tue scelte. Chissà…

    Liked by 1 persona

  2. Con questa tua breve storia mi hai ricordato un po’ mio padre. anche lui era un artista, uno scultore, e spesso mi ha fatto riflettere il suo modo di essere. Pareva che l’arte fosse il suo unico scopo di vita ed a volte mi sembrava che quasi rimpiangesse alcune scelte fatte per seguire il suo animo artistico.Brava, bel racconto.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...